Tu sei qui: Home

Radioamatori a Modena!

Radioamatori a Modena

Benvenuto! Siamo una Associazione che opera nella Provincia di Modena formata da persone che usano la Radio per passione, come mezzo divertente ma tecnologicamente accattivante, capace di educare, fare storia e aiutare gli altri.

La nostra missione è quella di raggruppare gli appasionati di ogni età per coltivare insieme una passione e mettere le nostre competenze in materia di Radio, Elettronica e Telecomunicazioni a disposizione della comunità coltivando un hobby tecnologico.

Primo contest HF nella nuova sede ARI

Dopo l'insediamento ufficiale nella nostra nuova sede all'interno della Casa Delle Associazioni avvenuto lo scorso ottobre, progressivamente le attività della sezione ARI di Modena stano tornando a pieno regime.

Come saprete tra le tante attività che può svolgere un radioamatore, c'è quella di partecipare ai contest, ossia delle vere e proprie competizioni nelle quale vince chi riesce ad ottenere il punteggio più alto contattando più stazioni possibili in un arco di tempo prestabilito.
In particolare, propagazione permettendo, in un contest HF potenzialmente si possono raggiungere stazioni sparse in tutto il mondo, anche senza disporre di attrezzatura costosissima o una location geograficamente favorevole.

Il team capitanato da Alessandro IZ4AMS ha deciso di partecipare ad una delle più particolari gare di questo tipo, il CQ World Wide 160-Meter Contest in CW che si tiene annualmente a fine gennaio e nello specifico il prossimo weekend.
Per riuscire ad operare ad una frequenza così bassa è necessario disporre di antenne molto lunghe, tipicamente delle filari, ma al momento la sezione non dispone di una tale infrastruttura, così in queste ore è in via di allestimento un setup provvisorio ad hoc (un Double Half Delta Loop per la ricezione, ed una verticale per la trasmissione) che ci permetterà di partecipare.

Visto che la propagazione nei 160 metri è decisamente migliore durante la notte, se volete venire a curiosare (magari portandoci un caffè e generi di conforto Sorridente) ci troverete in sala radio nella nottata tra venerdì e sabato, e quella tra sabato e domenica. Ricordo che la gara si svolge in CW e non in fonia, tuttavia useremo un decodificatore in modo che a video si potrà leggere e comprendere un QSO anche se non si conosce il codice morse.

Lo spirito con il quale abbiamo pensato di aderire a questo contest, non è tanto quello di andare a caccia del risultato, ma piuttosto vogliamo ribadire che le attività radio della sezione di Modena stanno via via ripartendo anche nella nuova sede.

*** Aggiornamento 26-01-2014: Contest Terminato ***
Dopo circa 16 ore di attività (dalle 23:00 alle 4:00 di venerdì notte, e dalle 17:00 alle 4:00 di sabato notte) abbiamo spento definitivamente la radio abbastanza soddisfatti.
Il nominativo col quale abbiamo partecipato è stato quello di Alessandro IZ4AMS che ha fornito tutta l'attrezzatura ed è stato sempre alla radio, ma hanno anche partecipato in veste di aiutanti Riccardo IU4APB, Mattia IZ4ATS, Marco IU4BLV e Stefano IZ4OXQ. Sono stati messi a log 260 QSO, tutti con stazioni europee, salvo qualche rarissima eccezione dove sono state raggiunte zone subito adiacenti al nostro continente. Ovviamente non è assolutamente un risultato da campioni del mondo, ma è comunque interessante se analizzato alla luce del setup utilizzato.

Potete vedere qui sotto le foto delle due antenne che abbiamo utilizzato:

Verticale con carico lineare per la trasmissione


scarica foto hi-res
Dettaglio della verticale


scarica foto hi-res
Double-Half Delta Loop per la ricezione


scarica foto hi-res

La verticale ha funzionato abbastanza bene nonostante avesse un ROS di circa 2 (cosa che ha certamente diminuito la potenza irradiata dai 100W in uscita dalla radio). Non crediamo sia stato un problema di messa a terra, infatti disponevamo di 10 lunghissimi radiali appoggiati a raggiera su un suolo bello umido a causa delle piogge dei giorni scorsi, ma piuttosto avremmo potuto lavorare meglio sul dimensionamento dell'antenna principale e il suo posizionamento; una lezione che terremo a mente per il futuro.
Il Double-Half Delta Loop invece ha fatto il suo lavoro in ricezione, restituendoci sulla radio un segnale con molto meno QRM rispetto a quello ricevuto direttamente dalla verticale. Probabilmente senza quell'antenna non saremmo stati in grado di sentire molte stazioni.

Aggiungo una nota personale. Chi vi scrive è fresco di patente, e per me era la prima esperienza in un contest di questo tipo che sulla carta è piuttosto particolare (e magari per un neofita meno accattivante rispetto a uno fatto in fonia). Beh, sinceramente mi sono molto divertito ed ho imparato un sacco di cose che mi potranno essere utili per la mia attività futura di radioamatore; una esperienza che vorrei sicuramente ripetere.

73
Riky
IU4APB

Azioni sul documento

Diciamo "Ciao" in CW alla sonda Juno e occhio ai QSO di Parmitano

Diciamo "Ciao" in CW alla sonda Juno e occhio ai QSO di Parmitano

Una rappresentazione artistica di Juno - Credit NASA

11/12/2013 AGGIORNAMENTI DA JUNO: La sonda ha effettivamente sentito la trasmissione all'unisono inviata dai radioamatori come potete vedere in questo video !

 

 

Lanciata il 5 agosto 2011, la sonda Juno sta compiendo un lungo viaggio per raggiungere la sua destinazione finale: l'orbita del pianeta Giove.

Come spesso accade, le missioni automatiche al di fuori dell'orbita terrestre utilizzano dei complicati piani di volo che permettono di raggiungere la destinazione finale senza utilizzare quantità enormi di carburante. Ovviamente questa procedura allunga di parecchio il tempo volo dalla Terra al punto di arrivo (Juno impiegherà 5 anni per arrivare su Giove), però dovete considerare che ogni chilo di propellente risparmiato al momento del lancio, può essere sostituito con prezioso carico utile.
Questo gioco vale senz'altro la candela.

Il metodo principe per fare guadagnare velocità ad un veicolo spaziale senza utilizzare carburante è il così detto "Gravity Assist o Fionda Gravitazionale". Senza farla troppo complicata, questa manovra consiste in un passaggio ravvicinato (fly-by) di una sonda ad un pianeta e grazie alla forte attrazione gravitazionale che si instaura tra i due corpi, la velocità dell'oggetto meno massivo cambia, ed in particolare aumenta di qualche chilometro al secondo (sembra poco, ma è tantissimo).
Mercoledì 9 ottobre, Juno effettuerà un gravity assist con la Terra. Questa animazione fa capire molto bene cosa accadrà.

Cosa c'entra tutto questo con noi? NASA ha pensato di realizzare un esperimento che necessita la partecipazione di più radioamatori possibili.
Juno, tra le altre cose, è equipaggiata con uno strumento chiamato WAVES (Radio and Plasma Wave Sensor) che servirà per caratterizzare le emissioni radio e misurare l'accelerazione delle particelle delle aurore di Giove. Gli scienziati si chiedono se Waves sarà in grado di captare qualcosa dalla Terra durante il fly-by.
Ma c'è un problema di base, infatti sebbene questo strumento sia progettato per lavorare comodamente in HF (dai 50Hz ai 41MHz), ci si aspetta che su Giove incontrerà campi elettromagnetici piuttosto forti con valori intorno a 5 V/m, conseguentemente è dotato di antenne piuttosto modeste ed inoltre il guadagno complessivo dell'elettronica è davvero modesto. Come fare dunque a farci sentire da un oggetto così poco sensibile, che sfreccerà velocissimo ad una distanza di decine di migliaia di chilometri? Semplice, l'unione fa la forza!

Tutti i radioamatori che saranno a portata della sonda (e noi italiani ci siamo dentro) sono invitati a mandare un messaggio CW sincronizzato. I testo sarà semplice, HI (ciao) ossia 4 punti + 2 punti, il tutto trasmesso ad una velocità molto ma molto lenta (QRSS); la durata del dit sarà di ben 30 secondi, e il messaggio si ripeterà ogni 10 minuti a partire dalla 18:00z fino alle 20:40z, secondo questo pattern:

Juno Pattern

Esempio pratico: Alle 18:20:00 premo il tasto, alle 18:20:30 lo rilascio. Alle 18:21:00 premo il tasto, alle 18:21:30 lo rilascio. Alle 18:22:00 premo il tasto, alle 18:22:30 lo rilascio. Alle 18:23:00 premo il tasto, alle 18:23:30 lo rilascio. Alle 18:25:00 premo il tasto, alle 18:25:30 lo rilascio. Alle 18:26:00 premo il tasto, alle 18:26:30 lo rilascio. Il ciclo riprenderà alle 18:30:00

Collegandovi al sito avrete anche un tool visivo che vi aiuterà a capire quando premere e rilasciare il tasto (mi raccomando sincronizzate gli orologi prima di iniziare!)

Che frequenza devo usare? Si lavorerà sui 10 metri, e per essere sicuri di eccitare Waves con una bella larghezza di banda, si è deciso di suddividere i 28 Mhz in questa maniera, ossia in base alla ultima lettera del proprio nominativo è stata assegnata una frequenza specifica.
Se avete un'antenna direttiva potrete rendere ulteriormente efficace il vostro contributo, puntandola opportunamente seguendo la tabella che per esempio trovate qui.

 

Come avrete notato, non è previsto che la sonda riceva in qualche maniera il vostro nominativo, infatti questo esperimento è puramente divulgativo e non vuole essere una competizione. Si tratta semplicemente di fare squadra e vedere se Juno riesce a sentirci, e se ci pensate è proprio un'attività nel pieno spirito radioamatoriale.
Tra l'altro, anche se non ci sarà modo di identificarsi, se parteciperete all'evento sarà possibile richiedere una QSL ricordo a questo indirizzo email.

 

Ricordandovi che per qualsiasi domanda potete contattarmi direttamente senza problemi, per finire aggiungo due cose:

  • Juno durante questo passaggio ravvicinato sarà anche potenzialmente fotografabile. Purtroppo non sarà visibile nel momento di massimo avvicinamento, ma qualche buon astrofilo potrebbe essere in grado di catturarla mentre si allontana.
  • Sempre in ambito spaziale, segnalo che Luca Parmitano si è rifatto vivo alla radio. In questo periodo i passaggi serali della ISS tornano ad essere sopra alle nostre teste e Luca, quando stacca dal lavoro, avrà la possibilità di fare qualche chiamata: buona caccia!

73
Riky
IU4APB


Azioni sul documento

Inaugurazione Casa delle Associazioni

Con particolare emozione per il periodo di forte rinascita e riorganizzazione della nostra Sezione, siamo ad invitarvi all'inaugurazione della "Casa Delle Associazioni", progetto del quale la nostra Sezione fa attivamente parte in seno al Comune di Modena e presso il quale insediera' la propria sede sociale.

 

Il taglio del nastro si e' tenuta Sabato 5 Ottobre alle ore 11 inaugurando la struttura di Via San Marone 15, alla presenza delle autorita' cittadine. Ifesteggiamenti sono proseguiti presso i locali a noi assegnati e aperti al pubblico presente. Servizio video a cura di Corrado IU4APO:

 

Azioni sul documento

Riprendono gli incontri nella nuova sede - Martedi' 1 Ottobre 2013

Ringraziando tutti i Soci che si sono prodigati per l'assegnazione di una nuova sede e coloro che hanno contribuito faticosamente alla ricostruzione della nostra nuova casa, comunichiamo che a partire da Martedi' 1 Ottobre riprenderanno le le consuete serate di incontro settimanali dei Soci nella nostra nuova sede:

Casa delle Associazioni - Via San Marone 15, Modena

clicca sulla mappa per maggiori indicazioni

 

Tutti i Soci e appassionati del nostro settore sono invitati a visitare i nostri locali, ancora in fase di sistemazione ma perfettamente operativi.

La scelta della serata del Martedi' e' ancora provvisoria, alla prima occasione di incontro collettivo si valutera' quale sia la serata piu' idonea. Sara' possibile parcheggiare all'interno del cortile, lungo Via San Marone a fianco della Casa delle Associazioni e nel parcheggio laterale a fianco dell'ingresso della Casa delle Associazioni. I nostri locali si trovano al primo piano.

Vi aspettiamo!

Azioni sul documento

Azioni sul documento